Wemos D1 ESP8266 – primi passi per una facile migrazione

di Marco Lombardi

Nel precedente articolo abbiamo visto una scheda con lo stesso layout della UNO: la Wemos D1 “R1”.

Per utilizzarla con l’IDE di Arduino non dobbiamo fare altro che aggiungere il supporto alla board attraverso il menu “File->Impostazioni” inserendo nel campo “URL aggiuntive per Gestore schede:” il seguente indirizzo:

http://arduino.esp8266.com/stable/package_esp8266com_index.json

screen_impostazioni

Una volta cliccato su “Ok” sarranno scaricate tutte le librerie necessarie e al successivo riavvio della IDE sotto il menu “Strumenti” alla voce “Scheda:” avrete la possibilità di selezionare la board Wemos D1 “R1” con chip ESP8266.

La Wemos D1 “R1”, così come tutte le schede basate sul chip ESP8266, ha un pinout diverso ovvero una nomenclatura tutta sua per i pin digitali, per esempio se stiamo lavorando con Arduino UNO e si vuol far lampeggiare un led collegato al pin 7 basta definirlo così come segue:

pinMode(7, OUTPUT);

se vogliamo fare la stessa su una Wemos D1 “R1” con un led collegato al pin 7 la definizione diventa questa:

pinMode(13, OUTPUT);

in rete è possibile trovare schemi comparativi ma tutti incompleti. L’immagine che trovate di seguito è il risultato del montaggio di due immagini per me esplicative: quella di destra è la tabella con la comparazione tra la nomenclatura dei pin sulla scheda UNO/R1 e i corrispettivi per il chip ESP8266, l’immagine di sinistra è invece lo schema dove è possibile individuare tali pin sul chip. In basso segue l’immagine con le due schede.

comparison-of-wemos-r1-vs-ESP12-E-pinoutsD1vsUNO

Spero di aver fatto cosa gradita, presto illustrerò un piccolo progetto di domotica perfettamente integrato con l’impianto domestico: si tratta di un termostato completo di pannello lcd a 16 caratteri a controllo remoto tramite applicazione per telefoni Android presente su Google PlayStore.

Nella categoria ESP8266 trovate altri articoli su questa scheda.

1 Commento

  1. Paolo Scattoni

    Grazie Marco!!! Sono l’ultimo di questa lista a poter dire qualcosa, ma penso che l’argomento debba essere approfondito. Se treplichiamo i nostri corsi di Arduino credo si debba dedicare una lezione per pensare a questa scheda alternativa che costa addirittura meno di Arduino.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *