Archivio mensile: luglio 2017

Progetto “aulapulita” su Wemos D1 ESP8266 – parte 1

di Marco Lombardi

Dopo una lunga pausa dovuta a esami e lavoro torno a parlare del progetto AULAPULITA.

Negli ultimi articoli, dedicati alla Wemos D1, proponevo il porting di tutto il codice AULAPULITA “standalone” e “connected” su questa scheda e sono giunto al punto in cui posso presentare qualche considerazione.

La lista dei componenti va leggermente cambiata, vediamo come:

  • Wemos D1 o scheda basata su ESP8266 anzichè Arduino UNO;
  • modulo microSD, per salvare i dati acquisiti su file in formato CSV; (vedi nota a fondo pagina)
  • modulo LCD 16×2 I2C, per visualizzare in tempo reale i dati acquisiti e gli eventuali guasti;
  • sensore CO2 K30 Senseair;
  • sensore SHT30 I2C anzichè DHT22, per il monitoraggio di temperatura e umidità relativa;
  • buzzer o cicalino, per l’allarme acustico di superamento soglia, collegato al pin digitale D10 (gpio15) o al pin digitale D8 (gpio0); (vedi nota a fondo pagina)
  • alimentatore 9-12v;
  • cavetti e breadboard per i collegamenti.

diventano opzionali:

  • modulo RTC PCF8563 I2C, per avere un riferimento temporale sui dati acquisiti (in alternativa possiamo usare il servizio NTP via internet);
  • 2x led, per segnalare eventuali guasti ai sensori;
  • 1x dip switch 2 canali, per impostare la soglia di allarme CO2.

N.B.: per l’utilizzo dei 2 led insieme ad un 1 dip switch due canali abbiamo bisogno di un 8bit expander collegato via I2C (tipo PCF8574) poichè i due pin digitali rimanenti, D2 (gpio16) e D9 (gpio2), sul ESP8266 basterebbero solo per 2 led o in alternativa per 1 dip switch due canali e quindi non sufficiente per tutte le periferiche (ne servirebbero almeno quattro). Utilizzando invece un bit expander rimarrebbero vuoti i due pin digitali, utililizzabili ad esempio per interfacciare altre perifierche come un sensore ottico Sharp GP2Y1010AU0F in grado di rilevare alcune polveri sottili. continua a leggere

Il progetto di scienza di cittadinanza è più vicino

di Teodor Ariton *

Qualche settimana fa abbiamo iniziato, come associazione InnovazioneLocale un percorso per il finanziamento di un progetto di scienza di cittadinanza da parte dell’Autorità per la Garanzia e Promozione della Partecipazione della Regione Toscana.

Per questo la nostra associazione aveva bisogno della firma a supporto di almeno 244 cittadini di Chiusi. Alla fine ne abbiamo raccolte quasi trecento. Non è stato facile.

Al momento della raccolta avevamo promesso di tenere informati i firmatari. Le novità oggi ci sono: in data 11/7/2017 abbiamo ricevuto la comunicazione dell’approvazione della domanda preliminare. continua a leggere